Recensione: Ancora un po’ di Charlie di Melissa Pratelli
On 20/02/2017 | 0 Commenti

Trama

16830383_10211405590276397_255932649_nCharlie e Grace sono amici sin da piccoli. Si sono conosciuti di fronte alla scuola materna e da quel momento non si sono più lasciati.Charlie è un tipo solare, espansivo, perfettamente a suo agio in mezzo agli altri. Grace, all’opposto, è taciturna, brontolona e dal carattere molto difficile, viene definita dalla sua stessa madre “socialmente disabile”.Il giorno del dodicesimo compleanno di Grace, accade qualcosa che porta i due amici a litigare.Charlie legge il diario di Grace e la ragazza, sentendosi tradita dall’unica persona di cui si fida, lo caccia via. Il caso vuole che poco tempo dopo Grace debba trasferirsi con la famiglia in Arizona, lasciando per sempre NY e il suo amico.Cinque anni dopo Grace torna nella sua città natale e non c’è stato giorno negli ultimi anni in cui non abbia provato rimorso per essersi comportata in modo così stupido con il suo migliore amico.Grace comincia così una disperata ricerca di Charlie, cercandolo nei luoghi che avevano popolato la loro infanzia e, alla fine, riesce ad incontrarlo.Charlie è quello di sempre e sembra non portare rancore alla vecchia amica, anzi, è felicissimo di rivederla ed averla di nuovo nella propria vita.I due ricominciano a frequentarsi e Grace viene a poco a poco introdotta nella nuova vita di Charlie, conosce i suoi amici, la sua ragazza, scopre la sua nuova passione per il nuoto e ritrova l’amore che li aveva sempre uniti, quello per la musica. Tra momenti divertenti e scene imbarazzanti a ritmo di musica, i due si renderanno pian piano conto che forse ciò che provano l’uno per l’altra non è soltanto amicizia ma qualcosa di molto più profondo e viscerale.

Recensione 

16839812_10208507364344215_658721631_n

Ho letto Ancora un po’ di Charlie piano piano, senza darmi fretta, gustando ogni singola parola in luoghi diversi. Posso dire quindi che mentre il romanzo mi faceva viaggiare tra le sue pagine, lui viaggiava con me. Ci sono due temi principali nel libro che si equivalgono quasi sempre nella vita quotidiana di ognuno: L’amore e la musica; uno non può esistere senza l’altro.

L’amore però ha diverse sfumature e in questo caso nasce come la più dolce delle amicizie.
La scrittrice, Melissa Pratelli, è riuscita ad essere durante tutto il libro chiara e poetica allo stesso tempo, toccando le cose che io amo di più e rendendo tutto così reale da farmi provare ciò che i personaggi provavano.

I due protagonisti principali, Grace e Charlie, non sono stereotipati come spesso accade nei romanzi d’amore, ma simili  , per un motivo o un altro, ad ognuno di noi … dalla serie “Io potrei essere Grace”( ammetto di averlo pensato davvero date le molte cose che abbiamo in comune ).
Oltre i personaggi principali però, anche i secondari acquistano un ruolo importante della vicenda aiutando o opponendosi alle decisioni di Grace e Charlie.

Questo è un romanzo che va letto quando si vuole sperare in qualcosa.
Quando si vuole sognare l’amore.
Un romanzo che va letto per “Vivere ancora un po'”

Ho apprezzato i titoli delle canzoni per aprire un capitolo e il finale è degno di un film d’amore con la “A” maiuscola … (ecco si, mi piacerebbe vedere un film basato su questo libro, sarebbe quel genere di commedia romantica che vedi per caso il sabato pomeriggio che ti fa innamorare).

Lo stile è come sempre impeccabile e sottolineo ancora una volta quanto io ami questa autrice italiana che riesce a destreggiarsi tra il fantasy e altri generi in maniera magistrale.

Voto: 9/10

Marika Vangone

 

Leave a reply