• img-book

    La Casa Nera è un’oscura presenza arroccata sulle pendici del Lago Rivonero. Come un enorme magnete, nel tempo, ha attirato nefandezze di ogni genere.

    Eirik Damiani non vorrebbe essere lì. In quel luogo, anni prima, ha rischiato di morire, ma ora che suo zio Jacopo scompare, è costretto a varcare di nuovo la soglia di Villa Biolcati.

    Ben presto il giovane scoprirà che i suoi incubi di bambino sono reali.

    Nel silenzio delle stanze vuote si muovono creature mostruose, eco di un passato spaventoso.

    Cosa sono quei simboli lasciati sulle pareti che rimandano a un antico culto pagano?

    Cosa si nasconde tra quelle mura antiche?

    Eirik potrà solo tentare di reagire a quell’orrore con un’unica consapevolezza. Il Male esiste davvero.


    Le ossa dei morti Miriam Palombi  12,90

    La Casa Nera è un’oscura presenza arroccata sulle pendici del Lago Rivonero. Come un enorme magnete, nel tempo, ha attirato nefandezze di ogni genere.

    Eirik Damiani non vorrebbe essere lì. In quel luogo, anni prima, ha rischiato di morire, ma ora che suo zio Jacopo scompare, è costretto a varcare di nuovo la soglia di Villa Biolcati.

    Ben presto il giovane scoprirà che i suoi incubi di bambino sono reali.

    Nel silenzio delle stanze vuote si muovono creature mostruose, eco di un passato spaventoso.

    Cosa sono quei simboli lasciati sulle pareti che rimandano a un antico culto pagano?

    Cosa si nasconde tra quelle mura antiche?

    Eirik potrà solo tentare di reagire a quell’orrore con un’unica consapevolezza. Il Male esiste davvero.

  • img-book

    Dave si ritrova in un fitto bosco, nel buio e inseguito da qualcosa di indefinito, al quale ha da poco cominciato a dare un significato.

    Sente passi da tutte le parti e sa che da un momento all’altro la presenza gli potrebbe essere addosso.

    E se così fosse, sarebbe davvero la fine. Il buio del bosco è rischiarato appena da una luce soffusa che in qualche modo gli indica una baracca di legno.

    Anche dalla baracca filtra una luce, più intensa però rispetto al chiarore appena percepibile dall’esterno.

    E’ lì dentro che si deve infilare Dave ed è lì dentro che la moglie, ormai morta da diverso tempo, potrebbe aiutarlo.


    Un dolore oscuro Giuseppe Calzi  14,90

    Dave si ritrova in un fitto bosco, nel buio e inseguito da qualcosa di indefinito, al quale ha da poco cominciato a dare un significato.

    Sente passi da tutte le parti e sa che da un momento all’altro la presenza gli potrebbe essere addosso.

    E se così fosse, sarebbe davvero la fine. Il buio del bosco è rischiarato appena da una luce soffusa che in qualche modo gli indica una baracca di legno.

    Anche dalla baracca filtra una luce, più intensa però rispetto al chiarore appena percepibile dall’esterno.

    E’ lì dentro che si deve infilare Dave ed è lì dentro che la moglie, ormai morta da diverso tempo, potrebbe aiutarlo.