• img-book

    Jordan River

Categoria:

DAANAN. Il destino degli uomini

Autore: Jordan River
5.00 out of 5 based on 4 customer ratings
4 customer reviews

Gli Uomini, la razza dominante del mondo di Daanan, hanno rischiato l’estinzione a causa di una catastrofe antica.

Sono però sopravvissuti, sebbene disuniti, fino all’arrivo di Aeon Prime, temerario generale della Legione, capace di riunire le varie tribù e villaggi in un’unica nazione, l’Impero, ritrovando una parvenza di pace.

Non tutti, infatti, riconoscono Aeon Prime come Imperatore e in molti si oppongono alla sua opera.

Mentre sul fronte interno l’Impero cerca di trovare l’unità, dunque, ai suoi confini altre razze cercano di affermare la loro esistenza.

Ma nuove minacce si addensano all’orizzonte, e assumono l’aspetto ferino di un cervo…

 14,90

Quantità:
Informazioni sull'autore
avatar-author
Jordan River nasce nel 1974 sotto le stelle d'inverno tra le nebbie, in piena pianura padana. Si diploma in maturità scientifica. Scrive da quando ha preso la matita in mano e dopo aver riempito diari e quaderni di storie arriva il primo romanzo. Assiduo giocatore di ruolo pen&paper, master da una vita, insieme ad alcuni amici inizia a redarre un'ambientazione originale, Daanan. Inizia a scriverne la storia, che però resterà nel cassetto a lungo. Vicende lavorative e familiari gli rendono la vita difficile e, a un certo punto, riapre quel cassetto. Quel giorno decise di lavorare assiduamente per arrivare alla pubblicazione. Ascolta, guarda, osserva, impara, trova la CE di riferimento con la quale il legame è da subito forte e la collaborazione schietta. Da quel giorno, Jordan continua a lavorare con il suo editor e la sua editrice per migliorare e continuare a scrivere le sue storie.
Libri di Jordan River
Informazioni sul libro
Descrizione

Gli Uomini, la razza dominante del mondo di Daanan, hanno rischiato l’estinzione a causa di una catastrofe antica.

Sono però sopravvissuti, sebbene disuniti, fino all’arrivo di Aeon Prime, temerario generale della Legione, capace di riunire le varie tribù e villaggi in un’unica nazione, l’Impero, ritrovando una parvenza di pace.

Non tutti, infatti, riconoscono Aeon Prime come Imperatore e in molti si oppongono alla sua opera.

Mentre sul fronte interno l’Impero cerca di trovare l’unità, dunque, ai suoi confini altre razze cercano di affermare la loro esistenza.

Ma nuove minacce si addensano all’orizzonte, e assumono l’aspetto ferino di un cervo…

Details

Publisher: Dark Zone
Publish Date:
Page Count:

  1. Daisy

    Valutato 5 su 5

    E’ il primo romanzo che leggo di questo autore, l’ho acquistato in prevendita a Torino Comics.
    Scorre fluido e non ci si rende conto di essere arrivati al termine.
    Ci si innamora dei personaggi e delle ambientazioni, che in parte riprendono quelle del fantasy classico ma con delle novità.
    Ogni personaggio pare nascondere qualcosa. In questo primo volume, alcuni aspetti vengono svelati.
    Il finale è emozionante.
    La storia non è autoconclusiva, motivo per cui adesso attendo con grande ansia il seguito.

  2. Erika

    Valutato 5 su 5

    Un esordio da mozzare il fiato. Uno scrittore acuto, mai banale, dal linguaggio ricercato ma mai pesante.
    Una storia che emoziona ed intriga, con un “finale” da brivido. Da leggere.

  3. Sara

    Valutato 5 su 5

    “Daanan – Il destino degli uomini” di Jordan River è la prima parte di una storia ben più ampia e contorta.
    La realizzazione ‘fisica’ del libro è buona e l’illustrazione in prima pagina è spettacolare: calzante e appropriata.
    Il romanzo è davvero entusiasmante e secondo me, deve gran parte della sua riuscita all’incisività con cui l’autore descrive tutto ciò che c’è e ciò che avviene pagina per pagina. I luoghi e i personaggi sono ben caratterizzati, chiarissimi per chi si ritrova in Daanan attraverso le pagine. Il testo è scorrevole e si lascia leggere senza accorgersi del passare del tempo: leggerlo è stato un piacere, tanto che l’ho fatto per due volte.
    Ovviamente, l’unica pecca è che non è autoconclusivo e quindi dovrò attendere (con una certa impazienza) il seguito.

  4. Diana Mistera (proprietario verificato)

    Valutato 5 su 5

    Come si capisce dal titolo, è un libro che è la prima parte di una saga, e vi dico da subito che sono curiosissima di leggere il seguito anche perché mi ha lasciato un po’ perplessa il finale di questo primo volume e aggiungo anche che mi ha sorpreso.

    Daanan è un fantasy che, secondo me, segue le linee classiche del genere, ci sono creatura magiche, ci sono maghi, ci sono nani e giganti, una terra che ha subito un cataclisma e che si ritrova divisa in due parti distinte, il Nord, dal clima avverso, che è dove di sviluppa la storia e l’Impero, da dove si parte.
    Mi è piaciuto molto come sono stati costruiti i personaggi, li si scopre man mano che si va avanti con la lettura
    Ryan è il protagonista insieme a Lilith, Upyr e la famiglia Kallispar, che sono costruiti molto bene, non solo fisicamente ma anche con l’aiuto delle espressioni del volto e degli occhi ad esempio in Lilith; persino i personaggi secondari come Lares , Sirio e l’Imperatore, per citarne alcuni, sono ben delineati per il ruolo che hanno in questo primo volume, si capisce che vi è stato fatto uno studio molto accurato ed hanno un loro perché, entrando nella storia quando necessario.
    Un altro interprete che mi ha conquistato, anche per la somiglianza di quello che io immagino essere Cernunnos il Dio celtico della foresta, di questa storia è il Re Cervo, che rimane un mistero fino ad oltre la metà del libro; fa una bella entrata e sono sicura che è previsto un approfondimento di questo personaggio, nei volumi a seguire e non vedo l’ora di saperne di più.

    La storia non va mai come te l’aspetti, ci sono colpi di scena che mantengono l’interesse della lettura alto, un forte plus per i libri del genere fantasy.
    Le descrizioni sono molto curate e davvero aiutano ad entrare nel libro e non stancano la lettura seppure siano molto particolareggiate.

    Lo stile del testo ha un vocabolario molto ricercato, Jordan fa una scelta molto attenta della terminologia che si addice perfettamente alla storia ed al periodo in cui la storia si svolge, che magari non puó piacere a tutti gli amanti del genere ma a me piace e secondo me é perfetta per la storia.