Focus in Dark: Tra lupi e sogni dimenticati
On 21/11/2018 | 0 Commenti

Dopo avervi parlato di horror, thriller, fantasy e “chi più ne ha, più ne metta”, passiamo all’urban della Dark Zone dove donne Forti, dipingono protagoniste ancora più Forti.

Lupi, Magie, Sogni e altre meraviglie che sapranno regalare forti emozioni.

 

Daisy Franchetto – Tra sogni dimenticati e altre dimensioni

Personaggi

Lunar e Sinbad sono i personaggi principali, sono i due lati della medaglia. Le vicende che coinvolgono uno trascinano anche il secondo. La loro particolarità è l’essere uniti da un legame potente, ma passare molto tempo separati, il loro è un continuo cercarsi, un po’ come quando cerchiamo la risposta alle domande dentro di noi.
Mi piace affiancare ai personaggi delle guide, delle figure che li accompagnano e spesso sono degli animali, in particolare lupi e corvi.
Il primo lupo a comparite e La Loba, una guida di poche parole e spesso enigmatica nelle sue risposte, ma affidabile nella sua presenza e nel suo comparire al momento giusto. È un lupo con una doppia natura e questo contribuisce a renderla speciale.
Il secondo lupo è Sky, che farà da guida a Lunar in Sei Pietre Bianche e in Tre Lacrime d’Oro. Il rapporto tra di loro si salda nel momento in cui Lunar riuscirà a dargli una nuova vita, saranno legati per sempre. Sky guiderà Lunar nel suo viaggio nella Terra dei Morti.
E, infine, abbiamo Acrax il corvo. Lunar lo incontrerà nella Città Cimiteriale, ma Acrax chiederà di poterla seguire anche oltre. È la voce di Lunar, il tramite che le permette di comunicare con il mondo quando lei perde la parola.

Ambientazione

La trilogia di Io sono Lunar è ambientata in un mondo che ne racchiude molti, è l’Ovoide delle Dimenioni. L’Ovoide è un sistema di realtà parallele che convivono e si condizionano vicendevolmente.
Avete voglia di farvi un viaggio?
Da qualche parte bisogna iniziare e allora iniziamo dall’alto.
Sulla punta dell’Ovoide delle Dimensioni troviamo Illaos, la Città degli Angeli. È un luogo di nuvole e palazzi bianchi in cui vivono creature che originano dall’Armonia stessa. Quindi è un luogo di pace? No, assolutamente no, qui non dorme sogni felici nessuno, nemmeno gli angeli.
Subito sotto incontriamo Prima Stella d’Incanto, la Dimensione distrutta. È disabitata, o almeno così si crede per i primi due romanzi della mia trilogia, ma poi qualcosa accade anche lì.
I Cieli Razionali sono l’ultima roccaforte delle Dimensioni Superiori. Qui regna l’ordine e il raziocinio. Niente emozioni fastidiose a turbare gli animi, sono tutti un po’ freddini e rigidi. Questo finché non fa la sua comparsa Re Sore…
Cetralissima rispetto all’Ovoide incontriamo la Dimensione Terrestre. È la Dimensione che ignora l’esistenza di tutte le altre. Quel che vi si incontra lo sapete benissimo, ci vivete.
Il vero centro è il Regno Perduto di Egoo, ma di questo non vi racconto nulla, perché, di quel che accade lì, troverete resoconto nel mio nuovo romanzo ora in scrittura. Pazienza, pazienza, tanta pazienza.
A sinistra e a destra della Dimensione Terrestre si trovano due Meta Dimensioni: Uralia (popolata dei belligeranti Ural) e Anguuna (dove vive un popolo retto da una monarchia tutta al femminile).
Quell’isoletta volante con al centro un obelisco nero è una vera chicca. È un varco Dimensionale, anzi un crocevia, da lì si può partire per visitare sei Dimensioni diverse.
Cominciamo a scendere ed ecco la Città Cimiteriale che, come il nome anticipa, è disseminata di lapidi. Ci vive l’Uomo delle Bare insieme ai fantasmi e ai morti in attesa di destinazione.
Poi incontriamo la Terra dei Morti, devo ammetterlo, forse la mia Dimensione preferita. Ci troviamo un sacco di bella gente. Innanzitutto, Cinque Porte sorvegliate da altrettanti guardiani. Nella Prima troviamo la Nana Terrosa, una bambola di terracotta molto cattiva. Nella Terza, nella Quarta e nella Quinta invece si sono i Draghi Alchemici. Nigredo, Albedo e Rubedo. Un momento… ma non ci hai detto niente della Seconda Porta! Lo so, lo so. E non ho intenzione di dirvi nulla (malefica).
Subito sotto troviamo tre Dimensioni al prezzo di una. Gli Oceani Perduti (luogo di emozioni incontrollate), Tukana (città delle pulsioni, lì sì che ci si diverte) e Valle Tetra (dove vivono gli Orchi).
Sotto a tutto c’è il Mondo Ctonio, un luogo ostile assai. Sventolato dall’Inconscio, i suoi abitanti sono costretti a vivere sotto una cupola, altrimenti impazziscono. In mezzo alla Giungla degli Incubi troviamo il Labirinto, un luogo in cui è facile entrare, ma non uscire.
Il viaggio si conclude qui, spero di non avervi ammorbato troppo, sicuramente non si annoiano gli abitanti delle Dimensioni.

Melissa Pratelli – Tra magie e maledizioni

Personaggi
Penelope Lee Johnson:

Lee è una ragazza di sedici anni, impulsiva, maldestra, con la testa tra le nuvole e la voglia di tirare fuori il suo sogno dal cassetto. E’ convinta di avere una vita normale, ma al suo arrivo in Scozia, si rende conto che nulla di ciò che la riguarda lo è. Spesso agisce prima di ragionare e questo la porta a fare parecchie stupidaggini, ma ha un cuore buono ed è pronta a sacrificarsi per gli altri.

Nathaniel MacIntyre:

Nate è un ragazzo serio, ragionevole, riservato. Ottimo studente e ammirato da tutti a scuola, Nathan, come suo fratello e sua cugina, nasconde un segreto che lo tortura. La sua doppia natura umano e lupo lo tormenta. Non riesce ad accettare la creatura che vive in lui, la sente come mostruosa. Per questo, ha deciso di tenersi alla larga da tutti, di non avvicinarsi mai emotivamente a qualcuno, per non coinvolgerlo negli affari della famiglia. Lee, però, manda all’aria ogni sua convinzione sin dal primo sguardo.

Benjamin MacIntyre:

Ben è il fratello minore di Nathan. Molto diverso da Nate, Ben è un tipo socievole, giocoso, divertente. Uno che si fa notare e che ha deciso di non porsi limiti nonostante il lupo che alberga dentro di lui.

Christine MacIntyre:

Cugina di Nate e Ben, anche lei condivide il loro fardello e, come Nate, preferisce intrattenere solo rapporti superficiali, specie coi ragazzi. Chris è una ragazza forte, determinata, decisa, ma anche un’amica leale e coraggiosa.

Andrew MacIntyre:

Cugino di Nate, Ben e Chris, Andrew è sempre rimasto in disparte, separato dal resto della famiglia con la quale non condivide la maledizione. Lui è l’unico immune e nessuno sa perché. Ma Andrew non è solo questo: in lui vive l’anima di un antenato dei MacIntyre, legato a doppio filo a Lee e al suo cuore.

Davon Stuart:

Amica e compagna di stanza di Lee, è la ragazza di Ben. Dolce, attenta, disponibile e altruista, Davon è capace di accettare la verità che riguarda il suo ragazzo e la sua amica, decidendo di restare comunque al loro fianco.

Riley Johnson:

Il fratello maggiore di Lee, era assolutamente contrario al trasferimento della sorella in Scozia. Sua nonna lo aveva messo in guardia del pericolo che Lee avrebbe corso e lui si era preso il compito di proteggerla a qualunque costo. Riley è un ragazzo deciso, riservato, può risultare acido, a volte, ma ama profondamente la sua sorellina e farebbe di tutto per proteggerla.

Cornelius MacIntyre:

Cornelius è lo zio dei MacIntyre, nonché responsabile della maledizione che affligge la famiglia. Gli altri sanno poco di lui, sparute informazioni che lui ha voluto dare per perseguire i suoi scopi. Ciò che desidera più di ogni altra cosa, è il potere di Lee, un potere del quale lei non è nemmeno consapevole, e per ottenerlo è disposto a passare anche sul cadavere dei membri della sua famiglia. La sua figura resta ancora avvolta nel mistero.

Debora Myfair – Tra neve e antiche storie 

Personaggi

Bianca è la protagonista del paranormal romance Cuore di Neve e a lei è dedicato il titolo del romanzo, dato che il suo soprannome è appunto “Neve”.
Le vicende narrate girano tutte attorno a lei e ai suoi vuoti di memoria. Beh, che dire? È un personaggio complesso, a volte forte, a volte fragile. Perché ha dei nemici, gli Incubi, che hanno trovato il modo di metterla in difficoltà rubandole i ricordi mentre li sogna.
Credo che ognuno di noi sia se stesso grazie alle piccole conquiste acquisite nel corso della vita, alle battaglie vinte o perse, a tutte le persone conosciute o anche solo incrociate per caso, quindi… cosa succederebbe se venisse a mancare qualcuno di questi tasselli? Saremmo le stesse persone?
Cuore di Neve non sarebbe tale senza la gatta Diana, o Matthew.
Diana compare solo nei periodi tra la veglia e il sonno di Bianca.
Matthew compare molto più spesso, è di origini creole e ha un rapporto turbolento con le proprie manie di controllo: a volte arriverebbe al punto di chiudere Bianca in uno sgabuzzino per saperla al sicuro, oppure chessó, potrebbe inventare una tisana mescolando alcune erbe ad hoc solo per sedarla. Aspetta, forse lo ha fatto!
All’interno del romanzo ci sono due gemelli nati da madre italiana e padre islandese. La loro famiglia è stata maledetta e ogni componente è costretto a contenere lo spirito di un lupo. Björn e porta con sé Hati “il pieno di odio” mentre Iris e contiene Sköll detto “l’ingannatore”
Infine ci sono Étienne e Margot.
Bianca li incontra a Parigi e occuperà il posto vacante di cantante nel loro gruppo “I Calliope”.
Lui suona il basso, mentre lei la batteria… sono sempre in fuga, si mantengono grazie a qualche serata nei locali in cui si imbattono e non hanno idea del ruolo che avranno all’interno dei piani di Bianca.

-Marika Vangone

Leave a reply